Ogni scelta modella la tua vita. Diventa consapevole delle tue scelte

Articoli con tag ‘satira’

La satira e la chiesa

Stasera voglio riproporti un poco di satira d’autore. La satira ti spinge a pensare, a scorgere le cose che ci hanno insegnato a non vedere, o che facciamo finta di non vedere. A vederle per quello che sono. La satira offre sempre spunti di riflessioni stimolanti, soprattutto quando ci provoca o ci irrita.

Sono due spezzoni tratti da due spettacoli di Corrado Guzzanti in cui interpreta padre Pizzarro, uno dei suoi personaggi meglio riusciti, imitazione di un cardinale cinico e sincero dal forte accento romanesco che interviene sui grandi temi etici e sui rapporti tra la religione cattolica e la politica, la scienza e l’economia.

Il primo pezzo è tratto da Recital e riassume il meglio delle battute di Pizzarro. Il secondo video è tratto da Aniene ed è una finta intervista televisiva dove Corrado Guzzanti interpreta il doppio ruolo di giornalista-conduttore e del monsignor Pizarro.

L’oggetto di questi pezzi di grande satira sono alcuni degli aspetti più materialisti e controversi della chiesa cattolica, dagli scandali alla pedofilia, dallo Ior allo spettacolo di una chiesa più interessata al denaro che alla fede cristiana.

Corrado Guzzanti è comico, scrittore, attore e sceneggiatore, specializzato nelle imitazioni di noti personaggi del mondo della politica, dello spettacolo e della religione. Diventato famoso nel 1992 come comico di punta dello spettacolo Avanzi, Guzzanti ha partecipato a quasi tutte le trasmissioni di Serena Dandini, da Tunnel all’Ottavo Nano. Ha prodotto film, sitcom e spettacoli teatrali di successo, l’ultimo dei quali, Recital è stato trasmesso anche in televisione. Qui puoi trovare la pagina di Wikipedia su di lui, qui la sua pagina facebook, qui i suoi libri.

Come sempre ti invito ad ascoltare con senso critico quanto viene detto e a verificare e approfondire le informazioni presso altre fonti.

Buona visione e a presto ;D

Qui puoi trovare gli altri video della rubrica.

Le bugie che raccontiamo a noi stessi

Stasera ti propongo un altro video di satira graffiante, capace di farti pensare fuori dagli schemi e di offrirti ricchi spunti di riflessione.

Natalino Balasso ci offre un altro pezzo di satira d’autore incentrato sulla complessità della psicologia umana e sulle menzogne che siamo in grado di dirci.

Attraverso una sequenza serrata di scene paradossali, Balasso ci fa dubitare della sanità mentale umana e delle motivazioni reali che ci spingono nella vita quotidiana.

Natalino Balasso è un comico, scrittore, autore e attore di teatro, cinema, radio e televisione. Ha debuttato in teatro nel 1991, in televisione a fine anni novanta, al cinema nel 2007. Tra il 2004 e il 2012 ha scritto quattro romanzi, l’ultimo è “Dio c’è ma non esiste”. Nel 2011 inizia a sperimentare nuovi format video nel suo canale YouTube, tra cui il video qui presentato. Qui trovi il suo canale, qui informazioni sui suoi spettacoli teatrali. Qui trovi il suo sito web e qui cosa riporta Wikipedia. Qui puoi trovare la sua pagina Facebook, qui il suo blog su il FattoQuotidiano.

Come sempre ti invito ad ascoltare con attenzione e senso critico quanto viene detto. Non limitarti a ridere, rifletti e usa la tua testa.

Buona visione e a presto ;D

Qui puoi trovare gli altri video della rubrica

Intervista a Dio

Stasera ti propongo un video interessante e ricco di spunti di riflessione.

Natalino Balasso ci offre un altro pezzo di satira d’autore che prende spunto da una semplice domanda: cosa direbbe Dio se si facesse intervistare?

Direbbe quello che fiumi di sacerdoti e uomini di fede professano e hanno professato nei secoli? Oppure no, direbbe altro? Citerebbe i libri che ha ispirato?

Cosa direbbe di noi esseri umani? Cosa direbbe della nostra società e della nostra visione della vita?

Balasso offre provocazioni che ci spingono a pensare a noi, alla nostra società, alla nostra fede e al significato della vita.

Buona visione e buon divertimento.

Natalino Balasso è un comico, uno scrittore, autore e attore di teatro, cinema, radio e televisione. Ha debuttato in teatro nel 1991, in televisione a fine anni novanta, al cinema nel 2007. Tra il 2004 e il 2012 ha scritto quattro romanzi, l’ultimo è “Dio c’è ma non esiste”. Nel 2011 inizia a sperimentare nuovi format video nel suo canale YouTube, tra cui il video qui presentato. Qui trovi il suo canale, qui informazioni sui suoi spettacoli teatrali. Qui trovi il suo sito web e qui cosa riporta Wikipedia. Qui puoi trovare la sua pagina Facebook, qui il suo blog su il FattoQuotidiano.

Come sempre ti invito ad ascoltare con attenzione e senso critico quanto viene detto. Non limitarti a ridere, rifletti e usa la tua testa.

Buona visione e a presto ;D

Qui puoi trovare gli altri video della rubrica

Che fine ha fatto la satira in Italia?

Che fine ha fatto la satira in Italia?

Pensaci. Quando è stata l’ultima volta che hai ascoltato o letto un poco di satira degna di questo nome?

È sempre più raro ascoltare della buona satira.

Negli ultimi anni i comici satirici sono scomparsi dalle scene, dalla tv come dai teatri. Dove sono andati Luttazzi, Celestini, Balasso e i Guzzanti? Corrado Guzzanti ancora appare talvolta in tv, a ora tarda, ma gli altri si devono cercare a teatro o in rete, ma anche lì è sempre più difficile trovarli. Balasso ha il suo canale Youtube, ma bisogna andare a teatro per apprezzarlo e partiti e istituzioni continuano a mettergli i bastoni tra le ruote. Stessa cosa per Celestini e Sabina Guzzanti. Luttazzi ha abbandonato.

È il declino della satira in Italia.

Perché dovremmo preoccuparci della satira?

Perché la satira non è un’arte come le altre, la sua assenza nella cultura e dalla scena pubblica è un sintomo, un indicatore di cosa la nostra società è diventata.

La satira non è comicità o commedia, è un genere dell’arte caratterizzata dalla critica alla politica e alla società. La satira mira a mostrarne il vero volto e le contraddizioni. Per questo motivo è sempre stata soggetta a violenti attacchi da parte dei potenti di tutte le epoche, fin dall’antica Grecia.

Il nocciolo del problema non è l’assenza del fiume di risate che gli artisti satirici riescono a provocare, risate liberatorie e rivelatrici. Il problema è che la satira va oltre la semplice risata, la satira parla di politica, sesso e religione, per questo la satira misura e mostra lo stato “di salute” della politica e della società in cui viviamo.

Ebbene il paziente sta male.

Il processo di censura culturale e autoritario iniziato da Berlusconi è continuato senza fermarsi sotto i governi di sinistra e perfino con i governi definiti “tecnici”. La sistematica censura dei media, l’ostacolare in ogni modo la diffusione della voce e delle idee dei satirici ci ha portato fino ad oggi.

Perché censurare e perseguitare la satira?

Perché fa di più che dare fastidio additando il re nudo, la satira ti spinge a ragionare, a guardare il vero volto del potere, a guardarti allo specchio per scoprire l’ipocrisia e l’oscenità della società in cui viviamo e che è parte di noi.

La satira è diventata una voce dei vicoli, dei palcoscenici di periferia, mentre dovrebbe essere portata in piazza alla luce del sole. Diamo voce alla satira, mostriamo l’apprezzamento che merita, anche quella più cattiva e sporca, quella che turba, che irride fede e credenze, regole morali e sociali, perché anche in quei momenti ci insegna qualcosa su noi stessi e sul mondo.

Guarda i video, due grandi momenti di satira, ridi e pensa.

Come sempre è fondamentale che tu ascolti con attenzione e senso critico quanto viene detto. Non regalare la tua fiducia. Usa la tua testa.

A presto ;D

L’ippopotamo di Balasso

Stasera ti propongo un video di satira graffiante ricco di spunti di riflessione.

E’ il discorso di capodanno 2016 di Natalino Balasso. Nel video precedente di fine 2015 Balasso cercava di instillare dubbi e domande sulla realtà in cui viviamo. In questo video le battute satiriche graffianti diventano dure e affilate, un crescendo di scossoni alla visione del mondo e alla fiducia dell’ascoltatore. Dietro alle risate e ai ceffoni virtuali, si delinea una realtà squallida e inquietante su cui è difficile ridere, perché siamo noi i protagonisti di quello squallore.

Natalino Balasso è un comico, uno scrittore, autore e attore di teatro, cinema, radio e televisione. Ha debuttato in teatro nel 1991, in televisione a fine anni novanta, al cinema nel 2007. Tra il 2004 e il 2012 ha scritto quattro romanzi, l’ultimo è “Dio c’è ma non esiste”. Nel 2011 inizia a sperimentare nuovi format video nel suo canale YouTube, tra cui il video qui presentato. Qui trovi il suo canale, qui informazioni sui suoi spettacoli teatrali. Qui trovi il suo sito web e qui cosa riporta Wikipedia. Qui puoi trovare la sua pagina Facebook, qui il suo blog su il FattoQuotidiano.

Come sempre ti invito ad ascoltare con attenzione e senso critico quanto viene detto. Non limitarti a ridere, rifletti e usa la tua testa.

Buona visione e a presto ;D

Qui puoi trovare gli altri video della rubrica

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: