Ogni scelta modella la tua vita. Diventa consapevole delle tue scelte

Articoli con tag ‘perduta’

La sovranità perduta dell’Italia

Dopo una lunga assenza, dovuta a questioni di salute, questa sera ti propongo un video ricco di spunti interessanti su cui riflettere. Cosa intendo per spunti interessanti? Punti di vista diversi su aspetti della realtà non considerati, non percepiti come importanti, non approfonditi.

Più che un’intervista è una lunga sessione di approfondimento sulla svendita di sovranità in Italia e sull’attività giudiziaria che l’avvocato Mario Mori e l’imprenditore Niki Dragonetti stanno conducendo da tempo.

I due hanno denunciato Laura Boldrini per “attentato alla Costituzione italiana” e “istigazione a delinquere” e sono riusciti ad ottenere un decreto del tribunale di Cassino che stabilisce quello che in Costituzione è indicato chiaramente, cioè che non si può cedere la sovranità che appartiene ai cittadini italiani. Sotto questo post puoi trovare il video dell’annuncio dell’avvocato Mori.

Il decreto apre la possibilità di un ulteriore passo giudiziario mirato a attivare e spingere la magistratura ad applicare la Costituzione e a punire i responsabili delle cessioni di sovranità per attentato alla Costituzione.

Perché le cessioni di sovranità che negli ultimi vent’anni la nostra classe politica e dirigente ha realizzato a favore dell’Unione Europea e di altri organismi internazionali non sono permessi dalla Costituzione. Il punto è che la carta è ormai disattesa, non applicata e disattesa nei principi e nella norma. Di fatto sia la politica che la magistratura non applicano la Costituzione e continuano ad agire e legiferare violandola.

Basta considerare che sono anni che il parlamento eletto e tutte le cariche dello stato sono in realtà illegali, in quanto eletti tramite una legge incostituzionale. E che anche l’ultima legge elettorale è palesemente incostituzionale, permettendo a una classe politica senza mandato legale di fare gli interessi propri e quelli dell’establishment che li sostiene.

Ti invito ad ascoltare con attenzione quanto esposto da Marco Mori.

Marco Mori è avvocato, si occupa sia di diritto civile che penale, è impegnato politicamente ed ha intrapreso una battaglia giudiziaria per il rispristino della sovranità costituzionale. Qui trovi la sua pagina Facebook e qui quella Twitter. Qui trovi il sito del suo studio legale.

Per il video ringraziamo Claudio Messora, giornalista e blogger. Dopo una breve parentesi come responsabile della comunicazione del gruppo parlamentare del Movimento 5 stelle è tornato alla rete e all’informazione non allineata. Qui trovi Byoblu, qui la pagina in cui ha pubblicato il video.

Come sempre ti invito ad ascoltare con senso critico quando viene detto e a verificare le informazioni presso altre fonti affidabili. Non regalare la tua fiducia e ricorda che le tue scelte sono influenzate e determinate anche dalle informazioni a cui hai accesso.

Buona visione e a presto.

Sovranità perduta o rubata?

Non sono solito pubblicare o “ribattere” post altrui, perché penso che ognuno debba dare un contributo originale, ma ogni tanto faccio un’eccezione per post notevoli, come quello linkato qui sotto. E’ un post di Claudio Messora, uscito sul suo blog, Byoblu, qualche giorno fa e penso valga la pena leggerlo per la prospettiva che offre. Si basa sull’ammissione di Draghi che non c’è un problema di perdita di sovranità degli stati della comunità europea, in quanto quelli con problemi economici l’hanno già persa la sovranità.

E’ necessario commentare?

No, vero?

Buona lettura…

Draghi: la sovranità? L’avete già persa

Draghi la sovranità l'avete perduta_byoblu

Dunque siamo d’accordo, herr Draghi, lei lo sa come lo sapevamo noi. L’ha sempre saputo. Come lo sapevano Giorgio Napolitano, Mario Monti e chiunque abbia fatto in modo che non vi fossero libere elezioni in Italia, nel 2011, ma che vi fosse un Governo di banchieri per fare in modo che si accettassero senza colpo ferire le condizioni della resa. Quelle contenute nella famosa lettera della BCE in quell’agosto prima del Grande Spread. E per fare sì che noi non si potesse più cambiare idea, ci avete blindati in un contratto di svendita totale che avete chiamato MES, perché chiamarlo “sovranità in saldo” o “democrazia in liquidazione” pareva troppo anche a voi.

Lo sapevate, che la sovranità l’avevamo persa, perché il vostro progetto era proprio quello. Ridisegnare geografie e ridefinire popoli e culture perché si adeguassero alla vostra visione neoliberista di una società liquida, priva di ostacoli valoriali, priva di rigidi diritti e anacronistiche tutele, un mondo perfetto per smantellare le conquiste che la classe proletaria aveva trasferito a tutti, con il suo coraggio, con i suoi morti bruciati nelle fabbriche, con i suoi martiri ed i suoi eroi. Un nuovo mondo fatto di serbatoi di manodopera a basso costo e basato sul vostro modello ideale, quello che arriva da lontano, perché far costruire gli iPhone ai bambini cinesi, o i palloni ai bambini pakistani, o le scarpe da calcio ai bambini cambogiani non era sufficiente. Cosa dovranno fare quelli italiani, adesso che da settima potenza industriale ci avete trasformato nella periferia del mondo?

Continua a leggere il post su Byoblu, clicca qui.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: